loading

Intervento Sen.Minzolini in commissione vigilanza RAI 04-07-2013


Written on 04 Luglio 2013.

RAI

Negli interventi del Presidente della Rai Tarantola e del Direttore Generale Gubitosi durante la scorsa audizione ho trovato due modi diversi di svolgere i rispettivi ruoli.

Debbo riconoscere che nell’intervento del Presidente Tarantola, probabilmente per gli incarichi ricoperti in precedenza, ho riscontrato le preoccupazioni, le sensibilità, le logiche di un manager pubblico.

Diverso il modo con cui si è proposto il Direttore Generale a cui manca, mi perdonerà, l’aplomb del manager pubblico. Non mi è piaciuto il giudizio, a volte spietato, nei confronti della maggior parte dei dirigenti Rai e, in altra direzione, verso i partiti. Una critica tanto dura, quanto, invece, il Direttore Generale ha dipinto in termini quasi entusiastici i risultati della sua gestione. È anche qui penso francamente che il Direttore Generale abbia esagerato, non poco. Sia per quanto riguarda i dati d’ascolto che per la raccolta pubblicitaria. Per non dire, ne parlerò dopo, di alcuni aspetti della gestione.

Comunque per parlare di questi temi mi si permetta una premessa: il Direttore Generale può dire quello che vuole ma anche la sua nomina è stata frutto di una determinata stagione politica. Non è un Messia venuto dall’alto, nè in Rai lo ha portato la cicogna. Ecco perché quel livore verso i partiti e la politica – io dico di comodo perché cede alla moda del momento – mi sembra eccessivo, diciamo, per usare un eufemismo, inelegante.

Seconda questione. Non entro nel merito su una serie di affermazioni del Direttore Generale sull’iniezione del carattere di imparzialità che la sua gestione ha portato nel servizio pubblico. Il discorso si farebbe troppo lungo.

Mi limito a dire che al di là della sua vocazione, tutta da verificare sul tema, la parola chiave del servizio pubblico dovrebbe invece essere il pluralismo, la capacità di dare la voce a tutti. A cominciare da quelli che sono presenti in Parlamento dalla sinistra, al centro destra, al movimento cinque stelle; fino ad arrivare a tutte quelle organizzazioni che agiscono nella Società.

Bisogna garantire a tutti la possibilità di spiegare il proprio punto di vista e di difendersi. Ecco perchè i richiami fatti la volta scorsa dall’on.Brunetta sono stati quanto mai appropriati.

E quando parliamo di pluralismo mettiamoci in testa, visto che siamo in una commissione parlamentare, che ne debbono fruire anche le forze politiche che sono arrivate in parlamento non per grazia ricevuta ma per il voto dei cittadini.
Ecco perché la sua polemica verso i partiti è alquanto impropria.

Arriviamo allo stato dell’azienda.

Lei ne ha tracciato un quadro un pò troppo roseo. Partiamo dagli ascolti. Nella sua gestione la situazione non è cambiata granchè. Semmai è un pochino peggiorata. Lei non ha fornito dati precisi per cui vale la pena che glieli fornisca io.

Nel primo semestre del 2013 rispetto al primo semestre del 2012 la Rai nel suo complesso ha perso lo 0,44% di share. Più in particolare nel segmento della prima serata, il più importante dal punto di vista pubblicitario, c’è stato un -0,69%. Più di mezzo in punto in meno. Non è una perdita grave ma da chi si è presentato qui come il Messia della televisione ci si sarebbe aspettato che la cifra fosse preceduta almeno da un +. Specie se si tiene conto che il maggior competitor nella tv generalista, Mediaset, non attraversa certo un momento felice visto che le sue reti hanno fatto registrare nell’insieme un calo di ascolti del 2,97%.

Più nello specifico Rai 1 ha perso rispetto al primo semestre dell’anno precedente lo 0,60%, Rai 2 lo 0,59% e Rai 3 lo 0,04%. Sono aumentati solo i canali speciali dello 0,79%. Su base annua la situazione non cambia granchè (complessivamente i canali Rai hanno perso lo 0,41%).

Tutto questo è accaduto anche per qualche flop di troppo. Mi limito ad elencare i programmi di prima serata che hanno registrato degli ascolti molto lontani se non addirittura la metà della media di rete.

Su Rai 1: “Altrimenti ci arrabbiamo”, “Red or black?”, “Tutto o niente” , “La terra dei cuochi”. Tutte e tre sul 14%, cioè un terzo in meno della media di rete. Su Rai 2: “Tutto Dante”, la metà della media di rete. Su Rai 3: “La grande storia”, “E se domani”, “Metropoli” , “La guerra dei mondi”. Anche questi hanno fatto registrare la metà della media di rete.

Il Direttore ha poi tirato in ballo il Tg1. Non so se si riferisse alla mia gestione, o al mio successore Maccari quando ha detto che l’attuale gestione del Tg1 ha recuperato ascolti e si è imposta nel confronto con il Tg5.

Ebbene se paragoniamo i sette mesi della nuova gestione con gli stessi mesi del mio ultimo anno al Tg1 emerge che l’edizione attuale del Tg1 delle 13.00 ha perso 1,64% di share, e la stessa perdita si è registrata nell’edizione delle 20.00.

Durante la mia gestione la distanza tra il Tg1 e il Tg5 delle 20.00 è stata del 4,36% a favore del Tg1, mentre con l’attuale gestione è scesa al 3,53%. Se poi andiamo a vedere il numero di vittorie del Tg5 sul Tg1 in questi sette mesi sono state dieci. Durante la mia gestione nello stesso periodo 1 sola.

Dov’è il successo di pubblico di cui parla il direttore generale non è dato sapere.

Naturalmente il Direttore Generale può contestare questi dati ma se così facesse gli proporrei un patto tra gentiluomini: se i suoi fossero errati lui si dovrebbe dimettere da Direttore Generale; se lo fossero i miei io non tornerei più in commissione.

Passiamo al tema della pubblicità.
Se gli ascolti sono quelli di prima anzi un pochino meno, è difficile che l’introito pubblicitario possa aumentare specie in un contesto difficile come quello attuale. E infatti io avrei delle visioni meno rosee rispetto a quelle del Direttore Generale. Dico rosee perché lui stesso, nel suo intervento ha parlato di una raccolta che dovrebbe attestarsi intorno ai 700 milioni, io penso invece che andrebbe bene se si arrivasse attorno ai 650 visto che c’è anche chi parla di 630 (ieri l’altro, il presidente dell’Upi ha parlato di una flessione del mercato pubblicitario del 14%).

DOCUMENTO SIPRA

CROLLO DELLA PUBBLICITA’ NELL’ULTIMO QUADRIMESTRE 2012

Dalla lettura dei dati Nielsen 2012 si evince che la Sipra nel periodo Gennaio-Agosto 2012 ha ottenuto una raccolta pubblicitaria pari al -14% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente, in un contesto di totale mercato al -15%.

La chiusura Sipra dell’anno 2012 è stata invece attorno al -25% (dati Nielsen), con un peggioramento di addirittura 10 punti percentuali dovuto all’improvviso crollo della raccolta pubblicitaria Rai nel periodo settembre-dicembre 2012 ( -del 40% rispetto all’anno precedente. Molto, ma molto peggio rispetto al resto del mercato).

Nell’ultimo quadrimestre 2012 perciò la Rai ha avuto un peggioramento di circa 100 milioni di Euro di raccolta pubblicitaria e ciò in coincidenza con l’avvento del nuovo vertice Sipra (Dr. Gubitosi Presidente e Dr.ssa Lei Amministratore Delegato) insediatosi proprio ad inizio Settembre 2012.

Il bilancio Rai, anche per colpa di questo peggioramento, ha chiuso il 2012 con un passivo di 245 milioni di Euro.

La perdita ingiustificata negli ultimi 4 mesi del 2012 dei suddetti 100 milioni di Euro di fatturato si sta inoltre ripercuotendo anche sul conto economico dell’anno 2013 in quanto si è partiti da una base più bassa.

FORTISSIMO INCREMENTO SCONTI SU PUBBLICITA’ RAI

Alcuni articoli hanno segnalato che a partire dall’autunno 2012 si è verificato un forte ed incontrollato innalzamento degli sconti con i quali la Sipra ha proposto la pubblicità della Rai, fenomeno accentuatosi ulteriormente da Gennaio 2013 con l’arrivo del nuovo Direttore Generale della concessionaria Dr. Piscopo proveniente da Sky.

Questo fatto, anche recentemente, viene riportato con sempre maggiore frequenza dalla stampa che parla di svendita degli spazi Rai con sconti attorno al 90% sul valore di listino; di dumping; di danni all’intero settore ed in particolar modo alla raccolta pubblicitaria della stampa ed addirittura del web.

La Sipra, fino a quando ha difeso il valore della pubblicità Rai, applicava sconti attorno al 66% (ciò vuol dire 1 spot lo paghi e 2 sono gratuiti).

Il nuovo vertice della Sipra, ora Rai pubblicità, ha invece aumentato enormemente gli sconti arrivando facilmente a trattative con il 90%-95% e oltre…

Il 90% vuol dire 1 spot lo paghi e 9 sono gratuiti !!. Il 95% invece 1 a pagamento e 19 gratuiti !!!. etc.etc

Il nuovo vertice in pratica sta attuando una politica commerciale di distruzione del valore della pubblicità della Rai che per decenni era invece stata difesa in relazione alla sua disponibilità limitata (vedi Legge Mammì) ed alla alta qualità del prodotto Rai.

Inoltre il non difendere il valore del prodotto pubblicitario della Rai sembra aver causato uno svilimento dello stesso ed è opinione comune che possa essere alla base dei suddetti più recenti pessimi andamenti della raccolta pubblicitaria Rai.

GENNAIO-APRILE 2013

Passiamo al periodo gennaio-aprile 2013. Si parla di una perdita di circa 70 milioni di Euro rispetto a quanto ottenuto nello stesso periodo del 2012.

Come può immaginare un pareggio su base annua della raccolta pubblicitaria 2013 rispetto a quella del 2012, partendo da un handicap così alto?

Alcuni esponenti politici del PD hanno recentemente dichiarato che una previsione verosimile di raccolta pubblicitaria 2013 della Sipra si aggirerebbe attorno alla cifra di 655 milioni e c’è già chi ipotizza un risultato finale attorno ai 600 milioni. E’ ovvio che in questo caso il bilancio 2013 della Rai si aggraverebbe e chiuderebbe con un pesante passivo.

Conseguentemente, se queste fossero le vere cifre, il danno si ripercuoterebbe anche sull’esercizio 2014 in quanto anche questa volta si partirebbe da una base più bassa di quanto previsto. E’ il caso di ricordare inoltre che sul bilancio 2014 graveranno anche gli extra costi degli eventi sportivi. Con queste prospettive la Rai si troverebbe ad affrontare un altro anno, il terzo per la precisione, con un bilancio con fortissime perdite.

CAROSELLO

Dopo l’exploit dei primissimi giorni, le audience sono crollate e sembra che gli inserzionisti stiano contestando alla Sipra gli scarsi risultati.

Ma voglio porle alcune domande sull’argomento.

E’ vero quanto affermato (e riportato dalla stampa) dal DG della Sipra Piscopo che la concessionaria pubblica ha contribuito ai costi della realizzazione degli spot regalando a ciascun inserzionista 70.000 Euro di spazi pubblicitari Rai al netto degli sconti?

Perché, se così fosse, ci si domanda come possa una concessionaria pubblica contribuire con spazi “pubblici” al pagamento di una creatività realizzata da agenzie pubblicitarie “private”. Questa bizzarra fattispecie, che vede la Rai contribuire con un proprio bene (che poi è pubblico) al pagamento di un soggetto privato (agenzia creativa) per conto di un altro soggetto privato (cliente inserzionista), non richiederebbe forse una gara pubblica, magari europea?

RADIO

Come sta andando la raccolta pubblicitaria legata alle reti radiofoniche Rai?

E’ Vero che Onda Verde Rai, dopo oltre 20 anni di sponsorizzazione, non ha più il partner commerciale?

La Sipra ha trovato il nuovo sponsor che porti nelle casse della radio Rai gli oltre 4 milioni derivanti da questa operazione?

Ma dei tanti argomenti posti dal Direttore Generale quello più affascinante è stato quello del ritorno dei concorsi per le assunzioni Rai.

Questione molto interessante. Peccato che questa scelta stride non poco con la decisione di assumere una decina di top manager dall’esterno a chiamata diretta e stride con il fatto che l’azienda ha prepensionato 430 persone e punta alla fatidica soglia delle 600 persone.

Ebbene mi chiedo:- il Direttore Generale non avrebbe potuto avvalersi di risorse interne? Tra tanti dirigenti è possibile che non ci fossero in un’azienda di 14 mila dipendenti dirigenti con le competenze necessarie? Sono stati seguiti i criteri e le procedure peculiari di un’azienda pubblica?-

Non sono interrogativi campati in aria visto che due associazioni di consumatori hanno presentato esposti alla Corte dei Conti per verificare se queste scelte hanno determinato un danno erariale.

Lo chiedo al Direttore Generale e alla Presidente che ha autorizzato queste assunzioni. Tanto più che, aspetto alquanto singolare della vicenda, i dirigenti assunti con contratti indeterminati, vengono tutte dalle esperienze lavorative passate del Direttore Generale.

Addirittura c’è stata una vera immigrazione da Wind, un’azienda, che il dg mi permetterà di dirlo non si occupa di televisione e non è neppure pubblica. Quindi non si capisce dove queste persone abbiano maturato l’esperienza per lavorare in Rai.

Non voglio entrare nel dettaglio ma ad esempio come si fa ad assumere e a mettere a capo delContenzioso, servizio fondamentale nell’ufficio legale in Rai, un avvocato che si è occupato nella sua vita soprattutto di crediti e valori mobiliari? O ancora a mettere a capo del settore dei Contratti una persona che proviene da aziende private che non applicano il codice dei contratti pubblici, e quindi che non possiede esperienze in materia? E questo magari emarginando risorse interne che hanno esperienze ventennali nel settore. Insomma, mi piacerebbe sapere quali sono stati i criteri alla base delle scelte fatte.

Anche perché restando,ad esempio,nell’ufficio legale si rischia di perpetuare l’attuale situazione che non è certo felice. Si hanno all’incirca 28 avvocati interni, ma se ne usano altri 150 esterni. Mi dicono che questa filosofia costa alla Rai cinque milioni di euro l’anno. Cioè quasi la metà del budget annuale del Tg1. Vorrei sapere se è vero visto che, con una Sentenza della Cassazione di quest’anno, la suprema Corte ha deciso che gli amministratori di un ente pubblico che affidano in assenza di motivazioni adeguate la redazione di un parere ad un legale esterno, possono essere condannati al risarcimento del danno erariale.

Vede caro dg a me è piaciuta la citazione del Gladiatore, però, mi scusi la franchezza, la sua filosofia e il suo operato mi lasciano un pochino perplesso.Qui si parla tanto diprivatizzazione della Rai, e forse lei, si è posto il problema di passare dalle parole ai fatti, e ha dato vita ad una sorta di privatizzazione “ad personam”.

Altrimenti non si spiega questo criterio nelle assunzioni, come non si spiega l’ostracismo che da più di un anno viene applicato al Codacons reo di aver presentato al TAR una denuncia in cui reputa illegittime la sua nomina e quella del Presidente Tarantola. Si può essere d’accordo o meno con il Codacons, ma non per questo si può escludere un’associazione di consumatori dal servizio pubblico.

Ecco perché, come le ho detto all’inizio, le manca l’aplomb del manager pubblico. Lei deve capire che la Rai non è dei partiti, men che meno di questa commissione, ma sicuramente non è neppure sua.

Osservatorio TV

interventominsoliniosservatorioradiosmartphonetv

I commenti sono disabilitati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi